Chips di verdure: lo stuzzichino vegano perfetto per ogni occasione

zuccaUno stuzzichino vegano perfetto per l’aperitivo, ma anche per accompagnare secondi piatti o da servire come antipasto leggero e salutare: parliamo delle chips di verdure disidratate.

Carlo Cracco usa questa facile ricetta come entrée da servire agli ospiti nei suoi ristoranti, da gustare in attesa dell’ordinazione. Perché allora non provarle? Di zucchine, topinambur, rape rosse, radicchio, zucca e chi più ne ha più ne metta, le chips di verdura sono la ricetta perfetta per le tue occasioni speciali, o per dare un tocco più colorato ai tuoi pasti.

Un asso nella lavorazione e trasformazione di ortaggi freschi e di qualità in disidratati (ma anche in semi dry IQF e surgelati) è l’azienda pugliese Farris: il suo impianto innovativo e flessibile permette di ottenere prodotti stabilizzati e dalle caratteristiche nutrizionali e organolettiche pressoché identiche al prodotto fresco. Grazie al processo di disidratazione, gli ortaggi arrivano a perdere fino al 95% del loro peso, garantendo un vantaggio per lo stoccaggio e un incremento significativo della shelf life.

Ideali per risotti, cous cous, zuppe, insalate e snack, tutti i prodotti Farris sono coltivati sul territorio della provincia di Foggia dai soci della Cooperativa Giardinetto.

Rispetto delle persone, cura delle risorse naturali, ricerca constante di una qualità che sia sostenibile nel tempo, questi sono i valori che Farris esprime quotidianamente nel suo lavoro!

melanzana farris

Ma ora torniamo alle chips. Se non avete a disposizione il prodotto pronto all’uso, nessun problema! Potete preparare le chips di verdura disidratata anche a casa vostra.

Seguite questi semplici trucchetti, sarà semplicissimo!

Prepariamo le chips

Per renderle croccanti e sottili dovete utilizzare una mandolina o un’affettatrice. Molto importante è lasciarle riposare su carta da cucina per permettere alle verdure di perdere l’acqua rilasciata dal taglio. Per il risultato perfetto, poi, è utile l’impiego di un essiccatore per alimenti, che vi darà modo di evitare di girare di continuo le verdure e non si rischierà di fargli perdere la forma.

Non così utilizzato nelle cucine, l’essicatore è in realtà un attrezzo molto utile, non solo per preparare le chips, ma anche per disidratare la frutta o la carne. Grazie ai tanti ripiani forati sovrapposti fra loro, permette all’aria calda di circolare uniformemente.

Non hai un essiccatore? No problem. L’alternativa è sistemare le verdure sulla griglia del forno ventilato per un paio di ore a 70°, e girarle ogni 10-15 minuti.

La ricetta…

Ingredienti
(dosi per 4 persone)

Verdure a piacere tra:
patate gialle o viola
zucca
rapa rossa
carote
zucchine
topinambur
radicchio
insalata belga

Procedimento
  1. Sbucciare le patate e tagliarle sottilmente con una mandolina. Portare a bollore un tegame con acqua e mezza tazzina di aceto e sbollentare le fettine di patate per 5 secondi. Scolare subito le patate e versarle in acqua e ghiaccio. Quando si saranno raffreddate, sistemare le fettine ben stese e asciugarle tamponando con carta assorbente da cucina.
  2. Tagliare le carote, la zucca e il topinambur a fettine e adagiarle ben stese su carta da cucina assorbente per alcuni minuti.
  3. Riporre le fette di verdure sulle griglie del forno e lasciarle asciugare a 70 gradi in modalità ventilata per 2 ore circa. Girare le verdure ogni 15 minuti.
  4. In alternativa, riporre le verdure nei vari ripiani dell’essiccatore e lasciarle disidratare per 1 ora e 45 minuti circa, a seconda la tipologia di verdura. Girare tutte le verdure dopo 50 minuti.
  5. Servire le chips di verdure disidratate come stuzzichino al posto delle classiche chips di patatine (fritte), come antipasto, come contorno, o come decorazione su primi o secondi piatti.
    Foto di www.mymrssporty.it

    Foto di www.mymrssporty.it

Leave a Reply

Your email address will not be published.