ORATA AL CARTOCCIO CON OLIVE TAGGIASCHE E FRUTTI DI CAPPERO

Vi proponiamo un secondo piatto ricco di gusto ma anche molto salutare, come nella tradizione del migliore regime alimentare esistente: la nostra fantastica dieta Mediterranea.
L’orata è uno dei prodotti ittici più diffusi e pregiati del Mediterraneo, essendo facilmente allevabile la si trova con grande facilità nelle nostre pescherie, ovviamente quando si può è da preferire quella pescata, sia per il gusto sia per la minor percentuale di grasso.
Una ricetta semplice, ma buonissima, un vero trionfo di sapori e profumi del Mediterraneo con un occhio di riguardo alla linea.

orata-al-cartoccioIngredienti
4 orate di 500 gr cad.
120 gr di frutti di cappero
100 gr di olive taggiasche denocciolate
un limone non trattato
olio evo, sale e pepe q.b.

Procedimento
Per prima cosa preparate il ripieno: private i frutti di cappero delle loro “codine”, che risulterebbero troppo dure, e sminuzzateli insieme alle olive. Io preferisco far eviscerare le orate al pescivendolo così non mi rimane che dar loro una sciacquata sotto l’acqua corrente fredda ed imbottirle con il ripieno. Dopo averlo lavato accuratamente affettate il limone ed inseritene qualche fetta all’interno dell’orata. Salate e pepate il pesce da entrambi i lati, ponetelo su un foglio di carta stagnola, appoggiatevi sia sopra che sotto qualche fetta di limone, aggiungete un filo d’olio e chiudete il cartoccio.
Cuocete in forno preriscaldato a 180°C per 40 minuti.

Autori: Marco e Patrizia
Blog: Niente dieta da domani